Carrello

Carrello

I parametri delle Cuffie Hi-End

Final Audio D8000 - Silver
Final Audio D8000 – Silver

Molti sono gli elementi che influenzano il suono delle cuffie Hi-End. Prima di tutto la grandezza della membrana, di qualsiasi natura essa sia. Si parte da elementi da molto meno di mezzo centimetro, per arrivare a 5 o più centimetri delle cuffie più grandi.

E’ chiaro che quelli più piccoli sono anche più leggeri, ma allo stesso tempo possono compiere minori escursioni e scendere meno in frequenza.

Un altoparlante ha alcuni parametri fondamentali da tenere in considerazione, l’escursione massima, la potenza del motore magnetico, il peso della membrana, che però comprende anche l’avvolgimento, quindi una maggiore impedenza (un maggior numero di avvolgimenti, di spire) spesso significa anche un peso superiore.

Dan Clark Audio AEON 2 Closed
Dan Clark Audio AEON 2 Closed

Ovviamente la massa della parte mobile, la quantità di avvolgimenti, e la forza del magnete fisso (neodimio o ferrite che sia) sono una combinazione di grande importanza che determina in buona parte le prestazioni globali. La cosa va osservata anche dal punto di vista di cosa piloterà quelle cuffie Hi-End.

Se si tratta di uno smartphone o di un tablet, essi avranno pochissima corrente a disposizione, e pertanto serve una cuffia che abbia un’alta efficienza e relativamente bassa impedenza.

Astell-Kern AK T5p 2nd Generation - Black
Astell-Kern AK T5p 2nd Generation – Black

L’efficienza nelle cuffie Hi-End
Cos’è l’efficienza ? E’ la quantità di segnale che serve all’altoparlante della cuffia Hi-End per suonare un certo segnale di test a un determinato volume. Se guardiamo i dati di targa dei modelli intraurali (quelli più facili da pilotare a causa delle dimensioni dell’altoparlante stesso) nella stragrande maggioranza dei casi esibiscono un dato superiore ai 100 dB, senza dubbio molto alto, mentre sovente i modelli con altoparlanti più grandi hanno efficienze minori a causa delle dimensioni dell’altoparlante.

SPL Phonitor x - Red
SPL Phonitor x – Red

L’impedenza nelle cuffie Hi-End
Una impedenza che parte da pochi ohm, 15 o più deve essere per forza di cose affiancata a una efficienza molto alta, più è bassa la resistenza, infatti, più è necessaria corrente per pilotare quella cuffia, pertanto bassa impedenza abbinata a una basse efficienza richiedono per forza di cose di un eccellente amplificatore per cuffia e quelle cuffie Hi-End non possono essere pilotate da smartphone.

AudioQuest DragonFly Cobalt
AudioQuest DragonFly Cobalt

Già una impedenza attorno ai 20 ohm ma con una efficienza di 100dB o superiore possono essere giudicati parametri corretti per un pilotaggio “universale”, anche se i migliori risultati –con basso pilotaggio, e quindi smartphone diretto- sono una impedenza attorno ai 40 ohm e una efficienza da 100 dB in su.

E’ altrimenti necessario un DAC/Ampli cuffia esterno, come la gamma Dragonfly di Audioquest, che eleva notevolmente il livello del segnale rendendo possibile il pilotaggio di “quasi” ogni cuffia.

La risposta in frequenza nelle cuffie Hi-End
La risposta in frequenza è un altro parametro molto importante, ma attenzione a valutare bene come essa viene dichiarata.

Bowers-Wilkins PX7 silver
Bowers-Wilkins PX7 silver

Oltre al dato numerico, una risposta da 30Hz a 22kHz è per esempio eccellente, va anche valutata entro quanti dB essa è misurata. +/- 3dB vuol dire che posso trovarmi i 30Hz a -3dB e i 22kHz a +3dB, e quindi bassi molto attenuati e alti enfatizzati (10dB di differenza corrispondono a un raddoppio di volume), e quindi l’intervallo di attenuazione ci indica quanto è lineare la curva di risposta, e questo è MOLTO più importante dell’estensione.

50Hz-18kHz a +/-1 1dB è una risposta decisamente migliore rispetto a 30Hz-22kHz +/- 3dB; nel primo caso avrò una differenza di livello tra le frequenze molto inferiore, la curva sarà molto più lineare, e l’ascolto più piacevole.

Astell-Kern Billie Jean - Blue
Astell-Kern Billie Jean – Blue